Torna alle notizie di Mediately Journal
News

Trattamento del cancro: le 10 principali novità in oncologia del 2022

Scritto da Mediately
1 giu 2023
7 minuti
Condividi
Trattamento del cancro: le 10 principali novità in oncologia del 2022 Image

Ogni anno porta qualcosa di nuovo e negli ultimi tempi gli sviluppi nella cura dei tumori sono stati notevoli. Quali sono state le più importanti conquiste in campo oncologico negli ultimi dodici mesi? L'abbiamo chiesto a un professionista che lavora quotidianamente nella pratica clinica oncologica. In questo articolo presentiamo le 10 novità più significative che contribuiranno alla cura del cancro nel prossimo futuro e negli anni a venire.

1. Nuovi sviluppi nel trattamento di prima linea del colangiocarcinoma avanzato (TOPAZ-1)

Per la prima volta, in uno studio di fase III si è osservato un miglioramento della sopravvivenza con un trattamento di prima linea del tumore delle vie biliari avanzato. Lo studio di fase III TOPAZ-1 ha valutato l'aggiunta dell'anticorpo anti-PD-L1 durvalumab a gemcitabina più cisplatino rispetto alla sola chemioterapia con gemcitabina più cisplatino.

I risultati hanno mostrato un miglioramento della sopravvivenza globale (12,8 vs. 11,5 mesi) e della sopravvivenza libera da progressione (7,2 vs. 5,7 mesi), con percentuali simili di eventi avversi di grado III e IV (62,7% vs. 64,9%). I risultati dello studio indicano che durvalumab in combinazione con gemcitabina e cisplatino potrebbe diventare il trattamento standard di prima linea del carcinoma della colecisti avanzato.

Trattamento del cancro - infusione

2. Blocco di PD-1 nel trattamento del carcinoma del retto localmente avanzato con deficit di riparazione del mismatch nella replicazione del DNA (dMMR)

Uno studio di fase II sull'impiego di dostarlimab in neoadiuvante per oltre 6 mesi in 18 pazienti con carcinoma del retto localmente avanzato ha conseguito un risultato straordinario. Ben 14 pazienti hanno ottenuto una remissione completa senza effetti collaterali di grado III o IV. Le condizioni per l'inclusione nello studio erano un dMMR comprovato e la presenza di BRAF V600 wild-type. La maggior parte dei pazienti presentava un coinvolgimento linfonodale locale e la metà era affetta da sindrome di Lynch.

Nonostante fosse uno studio di fase II con un follow-up mediano breve (6,8 mesi) e una popolazione limitata, i risultati fanno sperare in un progresso significativo nel trattamento del carcinoma del retto localmente avanzato.

Scarica l’app Mediately

Accedi subito a una banca dati farmaci completa e sempre consultabile, anche offline. Semplifica il tuo lavoro con i calcolatori di dosaggio interattivi e consulta facilmente la classificazione ICD-10.

3. Trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2-low

Sebbene esistano diverse opzioni terapeutiche per i pazienti con carcinoma mammario HER2-positivo con marcata espressione di HER2, l'efficacia del trattamento nei pazienti con tumori HER2-low, in cui l'espressione della proteina non è completa, non è soddisfacente.

Lo studio DESTINY-Breast04, che ha valutato l'impiego di trastuzumab deruxtecan su 557 pazienti di sesso femminile con carcinoma mammario metastatico a bassa espressione di HER2 precedentemente trattato, ha mostrato cambiamenti significativi in questa popolazione. Nel corso dello studio, due terzi delle pazienti hanno ricevuto trastuzumab deruxtecan. Le restanti sono state sottoposte a chemioterapia standard. Il gruppo sperimentale ha presentato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione mediana (10 mesi vs. 5 mesi) e della sopravvivenza globale mediana (23,9 mesi vs. 16,8 mesi) rispetto alle pazienti trattate con chemioterapia standard.

Un medico cura il cancro

4. Nuovi sviluppi nel trattamento del carcinoma mammario HR+/HER2-

Sacituzumab govitecan è un nuovo coniugato di un anticorpo monoclonale diretto contro Trop-2 e SN-38, il metabolita attivo dell'irinotecano. Sulla base dei risultati dello studio ASCENT, sacituzumab govitecan è stato approvato dalla FDA statunitense per il trattamento del carcinoma mammario triplo negativo localmente avanzato o metastatico. Lo studio TROPiCS-2 ne ha valutato l’efficacia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ormono-positivo e HER2-negativo precedentemente trattati.

Nello studio, condotto su 543 pazienti, il trattamento con sacituzumab govitecan è stato confrontato con la chemioterapia scelta dal medico curante. Nel gruppo sperimentale si è osservato un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza globale (14,4 vs. 11,2 mesi) e della sopravvivenza libera da progressione.

Trattamento del cancro - scansione corporea

Nuovo aggiornamento delle linee guida NCCN per il trattamento del carcinoma mammario

Le differenze tra gli inibitori delle chinasi ciclina-dipendenti 4/6 (CDK4/6) in termini di prolungamento della sopravvivenza globale e di impatto sulla qualità della vita sono determinanti nel processo decisionale clinico. Nello studio MONALEESA, le pazienti con carcinoma mammario avanzato ormono-positivo (HR+) e HER2-negativo che hanno ricevuto una combinazione di KISQALI (ribociclib) e terapia ormonale come trattamento di prima linea hanno ottenuto una sopravvivenza globale superiore a cinque anni. Nelle pazienti trattate con ribociclib è stato inoltre riscontrato un miglioramento o un mantenimento della qualità della vita.

L'aggiornamento di quest'anno delle linee guida NCCN per il tumore al seno include importanti cambiamenti relativamente agli inibitori di CDK4/6. Le principali novità per quanto riguarda l’impiego di ribociclib, palbociclib e abemaciclib nel trattamento di prima linea del carcinoma mammario avanzato HR+ HER2- indicano che ribociclib in associazione a un inibitore dell'aromatasi è l'unico inibitore di CDK4/6 con una raccomandazione di categoria 1, ovvero il livello più alto di raccomandazione basata su evidenze nelle linee guida NCCN. Palbociclib e abemaciclib in associazione a un inibitore dell'aromatasi sono stati declassati a una raccomandazione di categoria 2A.

"Come medico e ricercatrice clinica, nel trattare pazienti con carcinoma mammario metastatico mi pongo sempre l'obiettivo di trovare terapie che offrano loro più tempo, preservando tuttavia la qualità del tempo guadagnato", ha dichiarato la dott.ssa Hope S. Rugo, Professore di Medicina e Direttore del Breast Oncology and Clinical Trials Education Program presso l'Università della California. Al Congresso ASCO dello scorso anno ha presentato i risultati del confronto tra ribociclib e abemaciclib associati a un inibitore dell'aromatasi nel trattamento di pazienti con carcinoma mammario avanzato HR+ HER2-.

Trattamento del cancro su un paziente

5. Un nuovo farmaco per il trattamento del carcinoma prostatico metastatico ormono-dipendente

Darolutamide è un inibitore del recettore degli androgeni di seconda generazione, approvato per il trattamento del carcinoma prostatico non metastatico resistente alla castrazione sulla base dei risultati dello studio ARAMIS. Lo studio ARASENS di fase III ne ha indagato il ruolo nel trattamento del carcinoma prostatico metastatico ormono-dipendente.

Con l'aggiunta di darolutamide alla terapia di deprivazione androgenica (ADT) e a docetaxel si è osservato un miglioramento significativo della sopravvivenza globale nei pazienti con carcinoma prostatico metastatico ormonosensibile rispetto ad ADT più docetaxel. Nel gruppo sperimentale la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta, ma l'uso di questa terapia triplice, con un profilo di sicurezza simile, ha ridotto il rischio di morte del 32,5% e ha ritardato lo sviluppo del tumore resistente alla castrazione.

6. Immunoterapia adiuvante nel trattamento dei tumori del polmone

A settembre 2022 sono stati pubblicati ulteriori risultati dello studio di fase III IMPOWER-010. Si tratta di uno studio che indaga l'impiego in adiuvante di atezolizumab rispetto alle migliori terapie di supporto in pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule resecato in stadio IB-IIIA.

L'analisi della sopravvivenza globale ha mostrato un trend di sopravvivenza promettente negli stadi da II a IIIA, con l'effetto più significativo nei pazienti con espressione di PD-L1 superiore al 50%, mentre non si sono osservate differenze significative nella sopravvivenza dei pazienti con tumori in stadio IB. Dato il lungo periodo di follow-up di questi pazienti, si attendono ulteriori analisi e dati più maturi.

7. Nuovi sviluppi nel trattamento del melanoma metastatico

Relatlimab è un nuovo anticorpo monoclonale che agisce come inibitore di LAG-3 (gene di attivazione dei linfociti 3). LAG-3 è una proteina espressa sulla superficie delle cellule immunitarie che influenza negativamente la proliferazione e l'efficacia delle cellule T. Nello studio di fase III RELATIVITY-047 è stata valutata l’efficacia di relatlimab in combinazione con nivolumab, rispetto a nivolumab in monoterapia, in pazienti con melanoma metastatico o non resecabile non trattato precedentemente.

La sopravvivenza libera da progressione ha registrato un miglioramento significativo (10,1 vs. 4,6 mesi), mentre la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta in nessuno dei due gruppi. L'incidenza di eventi avversi di grado III e IV è stata leggermente superiore nel gruppo relatlimab-nivolumab (18,9 vs. 9,7%), mentre non sono stati rilevati nuovi segnali di sicurezza.

Scarica l’app Mediately

Accedi subito a una banca dati farmaci completa e sempre consultabile, anche offline. Semplifica il tuo lavoro con i calcolatori di dosaggio interattivi e consulta facilmente la classificazione ICD-10.

8. Nuovi sviluppi nel trattamento di prima linea del carcinoma della cervice uterina

Una novità delle linee guida 2022 per il trattamento dei tumori ginecologici è l'introduzione di pembrolizumab nel trattamento di prima linea del carcinoma della cervice. Secondo i risultati dello studio di fase III KEYNOTE-826, l'aggiunta di pembrolizumab ha mostrato un miglioramento significativo nelle pazienti con carcinoma della cervice recidivante, persistente o metastatico. Lo studio ha confrontato l'aggiunta di pembrolizumab alla chemioterapia (paclitaxel + cisplatino/carboplatino), con o senza bevacizumab, e la sola chemioterapia, con o senza bevacizumab.

Il rischio di morte è stato ridotto del 33% e il rischio di progressione della malattia del 35%. Il beneficio dell'immunoterapia nel prolungare la sopravvivenza globale e libera da progressione è risultato indipendente dall'uso di bevacizumab e dallo stato di PD-L1.

9. Un nuovo tipo di vaccino aiuta a curare il glioblastoma

DCVax-L è un nuovo tipo di vaccino basato sull'applicazione di cellule dendritiche del paziente raccolte tramite leucaferesi e quindi attivate mediante incubazione in vitro con il tessuto tumorale del paziente. Una volta attivate, le cellule vengono iniettate per via sottocutanea in prossimità di linfonodi selezionati per attivare la risposta immunitaria. Uno studio di fase III ha confrontato il trattamento con aggiunta del vaccino alla terapia standard e la sola terapia standard in pazienti con glioblastoma di nuova diagnosi e recidivante.

I risultati hanno mostrato un miglioramento della sopravvivenza globale nei pazienti con glioblastomi di nuova diagnosi (19,3 vs. 16,5 mesi) e nei pazienti con malattia recidivante (13,2 vs. 7,8 mesi), con un profilo di sicurezza favorevole.

Trattamento del cancro con un nuovo tipo di vaccino

10. Impiego del cisplatino nella chemioradioterapia concomitante per il tumore della testa e del collo

Per quanto riguarda i tumori della testa e del collo, nel 2022 non sono emerse grandi novità. Una delle più interessanti è rappresentata dallo studio di fase III ConCERT, che ha confrontato l'applicazione di cisplatino settimanale e ogni tre settimane in pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo localmente avanzato sottoposti a chemioradioterapia concomitante.

Nonostante l'applicazione di cisplatino ogni tre settimane rappresenti lo standard di cura in questo gruppo di pazienti, i risultati dello studio ConCERT hanno dimostrato la non inferiorità del cisplatino settimanale, con una tolleranza al trattamento significativamente migliore e un minor numero di interruzioni, ospedalizzazioni e tossicità, suggerendo che questo approccio potrebbe costituire il nuovo standard di cura.

Autore: Gordan Adžić, Specialista in oncologia interna presso KBC Zagreb

Scarica l’app Mediately

Accedi subito a una banca dati farmaci completa e sempre consultabile, anche offline. Semplifica il tuo lavoro con i calcolatori di dosaggio interattivi e consulta facilmente la classificazione ICD-10.

NOVITÀ: Controllo delle interazioni farmacologiche

Scarica l’app Mediately. Controlla la gravità delle interazioni e ricevi raccomandazioni su come risolverle.

Utilizziamo i cookie I cookie ci aiutano a offrire la migliore esperienza sul nostro sito web. Utilizzando il nostro sito web, accettate l'uso dei cookie. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie, consultare la nostra Politica sui cookie.